post-title Decreto liquidità: tutto ciò che c’è da sapere https://partitaviva.it/wp-content/uploads/image-25-03-20-07-39-4.jpeg 2020-04-10 10:46:09 yes no Posted by Categories: news

Decreto liquidità: tutto ciò che c’è da sapere

Posted by Categories: news
Decreto liquidità: tutto ciò che c’è da sapere

ACCESSO AI FINANZIAMENTI

Alla fine dell’articolo inoltre puoi scaricare la CIRCOLARE ABI

1. Possono accedere tutte le imprese che alla data del 31.12.2019 non presentavano difficoltà con le banche (cioè: segnalazioni per rate non pagate, andamento anomalo dei conti corrente, protesti o insoluti, segnalazioni CRIF, ecc.)

2. La cifra che può essere richiesta è pari a: – 25 % del fatturato al 31.12.2019 se è stato presentato il bilancio o la dichiarazione IVA, – oppure il doppio dei costi dei dipendenti sostenuti nel 2019. In ogni caso non può superare la misura massima di € 25.000,00.

3. Il finanziamento dovrà essere rimborsato: – in 6 (sei) anni. – preammortamento di 24 mesi [potrà essere pagata la prima rata 24 mesi dopo la concessione dello stesso finanziamento corrispondendo, però, gli interessi].

4. Il finanziamento sarà garantito al 100 % dallo Stato. 5. Le aziende che abbiano meno di 5000 dipendenti e un fatturato massimo di 1,5 miliardi che hanno necessità di un finanziamento superiore a € 25.000,00 potranno richiedere la garanzia fino al 90 % dallo Stato, anche queste aziende alla data del 31.12.2019 non dovevano presentare difficoltà con le banche (cioè: segnalazioni per rate non pagate, andamento anomalo dei conti corrente, protesti o insoluti, segnalazioni CRIF, ecc.). In questo caso la banca farà un’istruttoria di merito come per i normali finanziamenti.

LE PRATICHE VANNO INOLTRATE ALLE PROPRIE BANCHE – SI FA PRESENTE CHE ATTUALMENTE LE BANCHE NON HANNO RICEVUTO DAL GOVERNO NESSUNA INDICAZIONE IN TERMINI DI GARANZIA, PROCEDURE E SOPRATTUTTO MODELLI PER LA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE

SCADENZE FISCALI SONO SOSPESI FINO AL 31.05.2020 I VERSAMENTI DI: Iva, imposte, contributi, INPS dipendenti, INPS commercianti, INAIL

 Per i soggetti che non hanno superato i 2 milioni di euro di fatturato

 Per i soggetti che hanno superato i 2 milioni di euro di fatturato fino a 50 milioni di euro di fatturato che abbiano subito un calo nel mese di marzo 2020 del 50 % rispetto al fatturato di marzo 2019

SOSPENSIONE PAGAMENTO TITOLI DI CREDITO (CAMBIALI E ASSEGNI)

I titoli di credito (cambiali e altri titoli di credito) la cui scadenza o emissione va dal 09.03.2020 al 30.04.2020 sono sospesi quindi non sono protestabili.

I protesti elevati a partire dal 09.03.2020 fino al 08.04.2020 devono essere cancellati dalla Camera di Commercio e annullati.

RAPPRESENTANTI, PROCACCIATORI, MEDIATORI

Che non abbiano dipendenti e non abbiano superato i 400.000,00 di fatturato nell’anno 2019 per i compensi che vanno dal 17.03.2020 al 31.05.2020 non sono assoggettate a ritenuta d’acconto, facendone richiesta alla mandante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *